×

Informazioni Legali

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di 'cookie'. Queste informazioni, che potrebbero riguardare te, le tue preferenze o il tuo dispositivo internet (computer, tablet o dispositivo mobile), sono principalmente utilizzate per far funzionare il sito come ti aspetti. Puoi trovare ulteriori informazioni su come utilizziamo i cookie su questo sito e impedire l'impostazione di cookie non essenziali, facendo clic sulle varie categorie di seguito. Tuttavia, se lo fai, potrebbe influire sulla tua esperienza del sito e sui servizi che siamo in grado di offrire.

Come scegliere un profumo?

Famiglie olfattive e fragranze

I profumi sono elementi di grande importanza per le persone, diventando col tempo anche i regali più diffusi e scelti per i vari eventi e feste. Esistono tantissime tipologie differenti di profumi, ognuno con il proprio caratteristico odore. Proprio per questo sono nate le famiglie olfattive, una categorizzazione dei profumi di grande importanza da essere utilizzata nel settore della profumeria e per facilitare la terminologia ed il linguaggio, che sennò risultava particolarmente complessa nell'indicare un determinato odore. Inizialmente, le famiglie olfattive erano soltanto sette, tutte di nome ispirate a famiglie francesi del tempo, ma poi, con il miglioramento della tecnologia, sono arrivate ad essere 14, ognuna molto diversa dall'altra e dalle caratteristiche uniche nel suo genere. Ecco quali sono le principali:

  • agrumata, degli oli essenziali ricavati da vari frutti, come limone, lime ed arancia, motivo per cui prende questo specifico nome. Ha una fragranza frizzantina, fresca, e molto leggera, che la rendono tra le più apprezzate in assoluto. Questo è merito anche delle varie aggiunte che vengono inserite poi successivamente, come i fiori d'arancio o neroli, che migliorano ancor più la fragranza.
  • acquatica, che, come intuibile dal nome, ricalca il profumo della brezza marina, molto suggestiva ed anche della pioggia, col suo caratteristico odore. Attualmente questa famiglia olfattiva viene utilizzata nei profumi orientali ed in quelli floreali, per dare un tocco in più di speciale e particolare.
  • verde, una flagranza che prende spunto dall'erba, dalle piante, dal verde della natura, dallo stare all'aria aperta, senza nessun odore prodotto dall'inquinamento. Questa famiglia olfattiva acquisisce un tono più formale rispetto ad uno stile tipicamente sportivo.
  • fruttata. Può sembrare una famiglia olfattiva simile a quella agrumata, visto che anch'essa si basa sui frutti, ma non è così. Nella famiglia olfattiva agrumata rientrano pesche, mele, prugne, fragole e ciligie con il loro profumo caratteristico. Frutti tropicali dal grande gusto e sapore e dai colori molto accesi e vividi, tipici della stagione estiva.
  • la famiglia floreale rimane sempre quella più diffusa ed amata dalle persone, la fragranza leader dell'industria di profumeria. Viene ricavata dagli oli essenziali dei più svariati fiori, come rosa, gelsomino, mughetto ecc. Ha una concezione molto forte ed intensa e proprio per questo viene utilizzata prettamente per i profumi femminili.
  • ambrati o orientali. Sono fragranze caratterizzate dal calore e dalla sensualità che emettono, motivo per cui sono usate prettamente da donne. Si basano su note di muschio, vaniglia, legni esotici ed anche spezie. Sono quelle fragranze ideali da usare in occasioni speciali, come un'uscita con il proprio ragazzo.
  • legnosa. Al contrario delle due famiglie precedenti, questa fragranza è tipicamente usata per i tester prufumi da uomo, con i profumi presi dai più svariati alberi come cedri, pini e vetiver. Questa famiglia olfattiva viene continuamente migliorata e resa più all'avanguardia ed esotica, merito delle nuove tecnologie che hanno rivestito anche il settore della profumeria.
  • cuoiata. Chiamata anche con il nome muschiata, questa famiglia olfattiva si caratterizza per andare controcorrente, ovvero ricercare un profumo tipico particolare e molto caratteristico, per riprodurre l'odore del cuoio e del tabacco. Per fare ciò, vengono spesso aggiunte anche delle note floreali, come agrumi, tè nero affumicato e vari fiori.

Confezione regolare o tester profumi?

Quando andiamo in una profumeria, possiamo scegliere se acquistare proprio il profumo che vogliamo comprare, o un suo tester. Ma c'è differenza tra le due cose? Quale conviene comprare dei due? Bisogna specificare che sia il profumo sia il tester dei profumi hanno la stessa identica fragranza, quindi stesso profumo che si sta cercando. Quello che cambia è la confezione.

Il profumo avrà una confezione propria ed originale dell'azienda che lo ha prodotto, anche molto bella esteticamente. Ciò ovviamente tende ad innalzare notevolmente il prezzo. Il tester, invece, viene inserito in una semplice scatola, senza nessun nome, logo o immagine, e non avrà un classico tappo da profumo ma una copri-valvola erogatrice. Proprio per questo, i tester permettono di risparmiare una grande quantità di soldi, motivo per cui è la scelta ideale per chi si interessa soltanto della fragranza in sé e non dell'aspetto estetico del tutto. Molte aziende di profumeria, infatti, rendono disponibile, stesso sul proprio sito online, l'acquisto di tester di vari profumi, permettendo quindi di aumentare notevolmente il proprio bacino d'utenza.

Infine, un ultimo aspetto da non sottovalutare è il fatto che la produzione delle confezioni dei profumi tester non inquinano in nessun modo l'ambiente, al contrario di quelle dei profumi normali, che non sono ecologiche.

Eau de parfum ed Eau de toilette, la differenza

Quando si parla di profumi nel dettaglio, è molto importante saper distinguere le differenze principali tra le fragranze eau de parfum ed eau de toilette ovvero le classi di diluizione. Molti non la conoscono, ma le persone più esperte e che si informano a 360° danno grande importanza anche a questo aspetto durante la scelta del profumo ideale da acquistare. La differenza principale è la differenza di concentrazione dell'alcool e degli oli essenziali. Una fragranza della tipologia eau de toilette ha concentrazioni di questi elementi dall'8 al 12%, al contrario delle fragranze eau de parfum che raggiungono anche il 20%.

La differenza quindi è abbastanza evidente, e si noterà nel concreto anche con il profumo. La prima ha una durata più volatile, meno intensa, con note di testa, ovvero percepibile praticamente subito dalle particelle. Si tratta della prima impressione che diamo su un determinato profumo o odore. La fragranza eau de parfum, invece, è più intensa e duratura, quindi ideale per chi vuole mantenere un determinato odore per molto tempo. Essa rientra nelle note di cuore e di fondo: le prime appaiono subito dopo le note di testa, che danno la caratteristica completa del profumo; le seconde, invece, sono molecole più grandi e che si insinuano nella pelle, motivo per cui spesso l'odore può minimamente variare in base al pH e alla temperatura di essa.

Comments (0)

Product added to wishlist
Product added to compare.

Questo sito utilizza i cookies. Utilizzando il nostro sito web l’utente dichiara di accettare e acconsentire all’ utilizzo dei cookies in conformità con i termini di uso dei cookies espressi in questo sito.